Fusione Fredda: il brevetto E-cat riceve il secondo no dagli Usa

e-cat brevetto NO

Fusione fredda: l’E-cat di Andrea Rossi proprio non piace agli Usa e, dopo il primo no del 2014, il brevetto statunitense viene nuovamente rigettato. Il revisore ha rifiutato la domanda sostenendo che l’invenzione non ha i requisiti di utilità richiesti e che non è innovativa rispetto allo stato dell’arte. In breve Rossi non avrebbe inventato nulla di utile e neppure di nuovo. Ma è così?

La storia dell’inventore italiano con gli uffici brevetti non è molto felice. L’unico finora che ha accettato la richiesta è quello italiano, il quale ha formalmente accolto la domanda il 6 aprile 2011. Alla richiesta di estensione europea, però, gli esperti dell’ufficio hanno ritenuto che E-cat non soddisfacesse i requisiti richiesti.

Ma mentre l’Europa segnalò all’inventore la scarsità di dettagli nella descrizione, appellandosi più ad un problema di scrittura che di contenuti, l’Usa ritiene che, nonostante gli elementi siano sufficienti per una valutazione obbiettiva, l’invenzione non sia degna di nota ma soprattutto che non dica nulla di più rispetto alle attuali conoscenze.

Eppure, finora, nessuno ha mai sostenuto con prove che una tecnologia è in grado di produrre energia in largo eccesso rispetto a quella in ingresso attraverso un meccanismo che induce la fusione di nuclei atomici. Le Lenr, infatti, nonostante siano oggetto di diversi studi, anche brevettati, non sono mai andate oltre i confini di un laboratorio scientifico, per quanto attrezzato.

Andrea Rossi, d’altronde, non sembra deciso ad arrendersi, e ha già annunciato sul suo blog l’intenzione di procedere con un ricorso legale, salvo poi smorzare i toni sostenendo di avere comunque fiducia nell’ufficio brevetti statunitense. Che le ragioni di fondo siano comunque legate ad una scarsità di dettagli che Rossi non può o non vuole fornire?

Le motivazioni del rigetto sono disponibili sul sito dell Patent Office degli Usa, effettuando la ricerca dell’Application Number n. 12/736,193.

Roberta De Carolis

LEGGI anche:

- Fusione fredda, E-Cat: il primo brevetto approvato negli Stati Uniti

- Fusione fredda: l’E-cat anche a batteria ma Aldo Proia chiude

Pin It

Cerca