Casa del futuro: la carta da parati produrra' energia elettrica

pannellistampati

Fotovoltaico in casa? Proprio così: le case del futuro potranno avere delle pareti ricoperte da pannelli solari organici e riciclabili, che, a differenza di quelli a base di silicio, saranno molto più flessibili.

Si tratta del sistema messo a punto dagli ingegneri finlandesi del VTT il Technical Research Centre, che hanno mirato a produrre su scala industriale il fotovoltaico a film sottile. Secondo questa tecnica, infatti, le celle solari sono stampate e applicate anche su piccoli oggetti e, in più, nel film fotovoltaico è possibile aggiungere degli elementi grafici decorativi.

Per ora è solo un prototipo ed è la prima volta che pannelli fotovoltaici biologici (OPV - fotovoltaico organico) vengono realizzati in forma di strisce con un metodo di stampa che consente la produzione di massa del prodotto (la stampante messa a punto dall'équipe del VTT è in grado di produrre 100 metri di film fotovoltaico al minuto). Così, degli elementi a forma di foglia, per esempio, ognuno dei quali è di appena quindici decimetri quadrati e di 0,2 millimetri di spessore con tanto di elementi decorativi, elettrodi e celle solari polimeriche, orneranno le nostre case e avremo il fotovoltaico tra le nostre mura.

Per avere un pannello di un metro quadro si dovranno usare circa 200 fogli. Il foglio da un metro quadro genera 3,2 Ampere e raggiunge una potenza di 10,4 Watt.

pannellistampati2

I vantaggi? Pare che questi nuovi pannelli solari organici e decorativi siano economici e anche facili da realizzare. Non dureranno tanto quanto quelli tradizionali, ma possono essere riciclati a fine vita, recuperando le materie prime e ammortizzando ulteriormente i costi. In più, impianti di così piccole dimensioni possono essere applicati sugli oggetti di uso quotidiano, il che consentirà di catturare la luce che penetra negli ambienti domestici e alimentare i dispositivi elettronici (gli studiosi pensano che in futuro celle solari stampabili potranno anche essere utilizzate come ricevitori di dati nei dispositivi wireless).

Strabiliante, non è vero? E non è tutto: gli stessi studiosi finlandesi starebbero progettando anche pannelli solari inorganici in perovskite, da stampare e applicare su superfici non convenzionali, cinque volte più efficienti di quelli organici e dieci volte meno costosi.
Insomma, il fotovoltaico sarà sempre più alla nostra portata. E l'ambiente ringrazia.

 

Germana Carillo

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

Il futuro e' delle energie rinnovabili, parola di Elon Musk 

Apple: pannelli solari nei dispositivi touch 

Pin It

Cerca