Fusione fredda: Google si rivolge ai competitor di E-cat

Google fusione fredda

Fusione fredda. Possibili rivali di E-cat, della Brillouin Energy Corporation, sembrano aver colto l’interesse di Google. Anche se non sono confermati eventuali investimenti e nemmeno si ha l’assoluta certezza che siano effettivamente reattori Lenr, molti indizi portano a questa ipotesi.

Nel corso di un’intervista rilasciata al Gary Hendershot’s Smart Scarecrow (di cui riportiamo il video), il Ceo dell’azienda Bob George e il President and Chief Technology Officer Robert E. Godes, hanno infatti dichiarato apertamente che alcuni rappresentanti del popolare motore di ricerca, che sta investendo sulle tecnologie ecofriendly, hanno seguito alcuni test sul reattore.

Tuttavia, come si evince dalla stessa intervista, la società è ancora alla ricerca di finanziamenti, quindi probabilmente Google non ha deciso di investire nella tecnologia, attualmente in corso di studio presso il laboratorio di Sri International in California per mano di Michael McKubre.

Siamo dunque ancora nel campo delle ipotesi, ma questa notizia confermerebbe l’interesse generale che queste tecnologie stanno suscitando in campo internazionale.

Foto: Brillouin Energy Corporation

Seguici su Facebook, Twitter e Google +

LEGGI anche:

- Fusione fredda: Defkalion Europe fa chiarezza sui test dell’Iccf-18

- Fusione fredda. L'Hot E-cat alla prova negli Usa: il test durerà 6 mesi

- Fusione fredda: l'E-cat funziona davvero? Intervista ad Andrea Rossi

Pin It

Cerca