cranio_sediba

Come abbiamo già visto, c'è eccitazione nella comunità scientifica per il ritrovamento di frammenti di due scheletri che potrebbe costituire l'anello mancante tra uomo e scimmia. Per anni gli studiosi, seguendo le teorie evoluzionistiche inaugurate dal genio di Charles Darwin, hanno cercato di rintracciare il cosidetto "anello mancante", ossia quell'essere intermedio tra uomini e primati.

spedizione_berger_kruger_pa

Giovedì sarà svelato quello che è considerato l'anello mancante tra la scimmia e l'uomo, tra l'australopiteco (3,9 milioni di anni fa) e l'Homo Abilis (2,5 milioni di anni), cioè ciò che potremmo definire più propriamente come l'evoluzione della nostra specie. In quanto agli anelli mancanti importanti, in particolare quello del passaggio dall'acqua, continuiamo con le supposizioni.

 

isole_chagos

Il Regno Unito può vantare un primato che possiamo con coscienza definire invidiabile. L’area marina più grande del mondo, che ricopre 250mila chilometri quadrati, comprende parte dell’Oceano Indiano e circonda le isole Chagos, è un ex possedimento britannico situato a sud delle Maldive.

 

israel_museum_jerusalem

La storia si ricostruisce pezzo per pezzo. E’ infatti a un puzzle che rimanda la ricostruzione di questi due frammenti biblici del Canto del Mare (libro dell’Esodo). Parti di un unico manoscritto mediorientale risalente a 1300 anni fa, periodo storico particolarmente povero di testi biblici, sono sopravvissuti separati per tutti questi secoli: fino a quando uno sguardo attento ha notato la loro somiglianza e ne ha permesso la riunificazione.

tomba_regina

Zahi Hawass, archeologo di fama mondiale, già dirigente del Consiglio Supremo delle Antichità Egizie del Cairo, ha annunciato che un gruppo di archeologi francesi, impegnati in alcuni importanti lavori a el-Shawaf (Saqqara), ha scoperto la tomba di una regina egizia, risalente a circa 4.000 anni fa.

 

mappa_toba

Settantaquattromila anni fa l’eruzione del vulcano Toba devastò l’isola di Sumatra, in Indonesia. Uno studio presso siti archeologici di recente scoperta - nel sud e nel nord dell’India - ha rivelato gli stili di vita della popolazione prima e dopo l’eruzione.

tutankhamon

La morte del faraone Tutankhamon potrebbe non essere più un mistero. Secondo uno studio portato avanti da Zahi Hawass, del Consiglio superiore per le Antichità del Cairo, e pubblicato sulla rivista JAMA, il Journal of the American Medical Association, il decesso del faraone più noto d'Egitto sembra sia stato provocato dalla malaria, insieme ad alcune anormalità nella sua struttura ossea.

 

impronta_dinosauro

Rimaste intatte per 165 milioni di anni, adesso hanno bisogno di protezione. Sono le impronte di dinosauro scoperte nei pressi di Ardley (Inghilterra), poco distanti dall’autostrada M40, che negli ultimi tempi sono state messe in pericolo dai progetti di sviluppo edile della zona in cui si trovano.

 

Pagina 27 di 27

Cerca

ravenna2017 300x90