Piramidi di Giza: ecco le 5 scoperte più affascinanti

piramidi costruzione

Le Piramidi di Giza, che da molto tempo attirano esperti e appassionati di antichità ed egittologia, ci regalano spesso nuove sorprese. All’interno della necropoli di Giza, confinante con quello che oggi è El Giza, in Egitto, sono un set di tre piramidi la principale e più grande delle quali è chiamata Piramide di Cheope, la più antica delle sette meraviglie del mondo antico e l’unica a rimanere in gran parte intatta. Un miracolo dell’architettura, tuttora oggetto di studi.

Gli scienziati ritengono probabile che la piramide sia stata costruita per ospitare il corpo del faraone Khufu (Cheope in Greco), IV dinastia. È possibile che i lavori siano durati dai 10 ai 20 anni, concludendosi attorno al 2560 a.C. Secondo alcuni fu realizzata dall’architetto reale Hemiunu. Inizialmente alta 146,6 metri, l’incredibile costruzione è stata la più alta struttura artificiale del mondo per oltre 3800 anni, fino a circa il 1300 d.C., quando fu costruita la Cattedrale di Lincoln in Inghilterra.

Molto è dunque noto della Piramide di Cheope e in generale delle tre piramidi di Giza, ma molti anche i misteri che si susseguono. Ecco 5 scoperte che hanno lasciato perplessi gli scienziati, perché inusuali o capaci di mettere in dubbio precedenti convinzioni.

1) Trovati nuovi geroglifici

Giugno 2011. Misteriosi geroglifici in vernice rossa vengono ritrovati all’interno della grande piramide di Giza grazie ad un robot provvisto di macchina fotografica. Questi geroglifici dal colore vermiglio sono impressi sul pavimento e, secondo un’analisi matematica, si tratterebbero di semplici numeri. Ma con quale significato?

2) Allineamento planetario

Dicembre 2012. Anche teorie sugli allineamenti planetari hanno coinvolto le Piramidi di Giza. Le stelle della cintura di Orione, il 3 dicembre 2012, si sarebbero allineate con le tre piramidi di Giza, ma non tutto era vero. Mercurio, Venere e Saturno si trovavano ad una distanza ravvicinata nel cielo, ma un potenziale osservatore presente in Egitto avrebbe visto le stelle dando le spalle alle piramidi. Inoltre, se pure un allineamento c’era stato, non era di certo orizzontale come alcune immagini molto suggestive sembravano mostrare, ma più verticale.

3) Una camera segreta con il tesoro del Faraone

Giugno 2013. Tra le tombe della Valle dei Re, in Egitto, potrebbe esserci una camera di sepoltura segreta, contenente tesori, nel cuore della Piramide di Cheope. Ad ipotizzarlo un noto egittologo, Zahi Hawass, secondo cui la camera nascosta poteva essere all’interno della di quella della Regina. Secondo l’egittologo la camera del Re propriamente detta serviva ad ingannare i ladri, illudendoli che fosse lì il Faraone e con lui il suo tesoro, nascosto invece altrove.

4) Le piramidi erano bianche

Novembre 2014. Osservandole oggi sembra incredibile ma le piramidi di Giza erano bianche 4 mila anni fa. Come sono attualmente è dunque solo il risultato del tempo dell’inquinamento prodotto dall’uomo nel corso dei secoli. Un breve documentario girato dall’egittologa Jacquelyn Williamson, dell’Harvard University, su Smithsonian Channel, mostra come erano queste straordinarie costruzioni realmente.

5) La temperatura non è uniforme

Novembre 2015. Una scansione termica delle Piramidi di Giza, in Egitto, ha rivelato particolari anomalie sul lato orientale della Piramide di Cheope. L’analisi ha dimostrato che le pietre della prima fila risultano uniformi, ma almeno tre hanno temperature più elevate. In corrispondenza di queste è stato notato qualcosa di simile a un piccolo passaggio che porta fino a una zona del terreno con una temperatura diversa. La scoperta apre ora un nuovo mondo di possibili teorie.

Roberta De Carolis

Seguici su Facebook, Twitter e Google +

LEGGI anche:

- 3 dicembre 2012: l’allineamento planetario della Cintura di Orione con le piramidi di Giza

. I 10 posti più enigmatici della Terra  

Pin It

Cerca

ravenna2017 300x90