Preistoria: anche 7mila anni fa si produceva il formaggio

formaggio

Anche 7mila anni fa si producevano latticini e formaggi. Lo ha scoperto un team internazionale di scienziati, guidati dai colleghi dell'Università di Bristol. La prima prova inequivocabile che gli esseri umani nella preistoria utilizzassero il bestiame per il latte e i suoi derivati è stata ritrovata in Africa.

Analizzando gli acidi grassi estratti dalle ceramiche smaltate provenienti da un sito archeologico della Libia, i ricercatori hanno dimostrato che i grassi lattiero-caseari erano stati trattati proprio in quei vasi. Questa prima identificazione delle pratiche casearie nel continente africano da parte dei pastori preistorici del Sahara, può essere databile attorno al V millennio a.C.

Circa 10.000 anni fa il deserto del Sahara era uno luogo verde. I primi cacciatori-raccoglitori della zona vissero una vista semi-sedentaria, utilizzando la ceramica, praticando la caccia di selvaggina e la raccolta di cereali selvatici. Poi, circa 7.000-5.000 anni fa la regione divenne più arida, il popolo ha adottato uno stile di vita nomade, pastorale, testimoniato dalla presenza di ossa di bovini nei depositi di alcune grotte e nei letti dei fiumi.

L'arte rupestre incisa e dipinta, molto diffusa in tutta la regione, include molte vivide rappresentazioni di animali, soprattutto bovini. Tuttavia, finora non c'era alcun prova diretta che tali animali fossero munti.

I ricercatori dell'Unità di geochimica organica nella Scuola di Chimica dell'Università di Bristol, insieme ai colleghi dell'Università di Roma La Sapienza, hanno studiato la ceramica non smaltata databile intorno a 7000 anni fa, che si trova al rifugio Takarkori nelle montagne di Tadrart Acacus, in Libia. L'utilizzo di biomarker per i lipidi e l'analisi degli isotopi stabili del carbonio hanno permesso di scoprire metà di essi era stata utilizzata per la lavorazione di grassi lattiero-caseari. Ciò conferma per la prima volta la presenza precoce di bovini domestici nella regione e l'importanza del latte per quel popolo di pastori preistorici.

Julie Dunne, studente di dottorato presso la Scuola di Chimica di Bristol e uno degli autori dello studio, ha dichiarato: "Sappiamo che i prodotti lattiero-caseari importanti, quali latte, formaggio, yogurt e burro erano noti al popolo del Neolitico in Europa, quindi è stato eccitante trovare la prova che essi fossero presenti nella vita dei popoli preistorici dell'Africa".

"Oltre a identificare la rapida adozione di pratiche da latte nel Sahara, questi risultati forniscono anche uno sfondo per la nostra comprensione dell'evoluzione del gene della lattasi, che sembra essere sorto una volta che la gente ha iniziato a consumare prodotti lattiero-caseari" continua Dunne. "Il gene si trova negli Europei e in alcuni gruppi dell'Africa centrale, sostenendo in tal modo gli argomenti per la circolazione delle persone, insieme con il loro bestiame, dal Vicino Oriente all'Africa orientale nella prima metà dell'Olocene, circa 8.000 anni fa".

Lo studio si è guadagnato la copertina della rivista Nature.

Francesca Mancuso

Pin It