Il naso umano distingue 10 tipi di odori

naso odori

Naso: avete mai pensato a quanti tipi di odori riesce a riconoscere il vostro olfatto? A questa domanda hanno risposto i ricercatori delle Università di Pittsburgh e Bates, i quali dopo aver studiato le modalità di riproduzione degli odori nel cervello, sono giunti a classificarne 10 categorie.

A differenza della vista e dell'udito legati a fenomeni fisici misurabili, l'olfatto risulta legato agli odori che vanno classificati in base alle loro caratteristiche e al modo in cui vengono percepiti. Come afferma uno degli iniziatori della ricerca pubblicata sulla rivista Plos one, Jason Castro, assistente professore di psicologia e neuroscienze presso Bates, lo scopo dello studio è individuare le varie tipologie di odori partendo dal confronto dell'olfatto con gli altri organi di senso.

Durante la ricerca, Castro è stato affiancato da due colleghi, Chakra Chennubhotla, professore assistente presso il Dipartimento di Biologia Computazionale e dei Sistemi della Pitt's School of Medicine, e da Arvind Ramanathan , uno scienziato informatico che lavora presso l'Oak Ridge National Laboratory (ORNL) .

Il team di ricercatori utilizzando una sofisticata tecnica matematico-statistica chiamata NMF (dall'espressione: non-negative matrix factorization) è riuscito a semplificare il numero dei caratteri attribuibili agli odori riportati nell'Atlante di Andrew Dravniek del 1985. Il risultato di questa analisi ha fatto sì che gli odori venissero suddivisi in base alle qualità organolettiche e alle caratteristiche fisico-chimiche in dieci categorie di base, di modo che ogni odore potesse essere classificato come:

1. Fragrante
2. Legnoso o resinoso
3. Fruttato (non di agrume)
4. Nauseante
5. Chimico
6. Menta o menta piperita
7. Dolce
8. Popcorn
9. Pungente
10. Limone

Come possiamo notare, gran parte degli odori sono strettamente legati ai sapori, che possono essere catalogati anche in base all'appetibilità o alla non appetibilità delle sostanze che li emanano.

Dopo questa interessante scoperta i ricercatori si sono messi nuovamente a lavoro: il loro nuovo obiettivo è affrontare il problema in modo nuovo per cercare di capire che relazione c'è fra le sostanze e gli odori. Se l'equipe di Castro riuscirà a portare a termine questo studio, le aziende che si occupano della produzione di profumi e fragranze, potranno migliorare notevolmente i loro prodotti. Per scoprire cosa succederà non ci resta che attendere!

Italia Imbimbo

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

 

Leggi anche:

Traumi: cancellati nel sonno grazie agli odori 

I topi riconoscono l’odore della paura

I 5 sensi nello spazio spiegati dall'astronauta Chris Hadfield

 

Pin It

Cerca