Bastano i piatti rossi per perdere peso

piatto rosso

Per perdere peso, in aiuto i piatti rossi. Se i chili di troppo, guadagnati nel periodo natalizio, proprio non vogliono saperne di lasciarci, a darci una mano è una nuova ricerca realizzata da un gruppo di ricercatori dell'Università di Basilea, in Svizzera.

Secondo la loro teoria, basterebbe sostituire il classico servizio di piatti bianco con uno colorato, magari di un bel rosso brillante. Perché proprio rosso? Nell'immaginario collettivo, il colore segnala uno stop, è così ad esempio al semaforo. Di conseguenza, anche il nostro cervello, posto davanti a un bel piatto rosso si auto-frenerebbe.

Due sono stati gli studi effettuati, ed entrambi hanno confermato l'ipotesi degli studiosi. Nel corso del primo studio, i ricercatori dell'Istituto di Psicologia di Basilea hanno chiesto a 41 studenti di sesso maschile di provare vari soft drinks. Metà dei soggetti hanno ricevuto le bevande in bicchieri di plastica rossi, mentre l'altra metà in bicchieri blu.

Ebbene, gli studenti con i bicchieri rossi hanno bevuto circa il 40 per cento in meno rispetto a quelli con i bicchieri blu e tutti i soggetti avevano bevuto tanta acqua prima dell'esperimento. Questo dunque potrebbe avvalorare la tesi degli studiosi, secondo i quali il colore rosso inconsciamente potrebbe essere stato percepito come un diretto segnale di stop.

Nel secondo esperimento, i ricercatori hanno studiato l'influenza del colore rosso sulle abitudini alimentari. Per questo è stato chiesto a 109 persone di compilare un questionario. Ogni soggetto ha inoltre ricevuto insieme un piatto di salatini, per alcuni rosso e per altri blu o bianco. Anche in questo caso, chi aveva attinto dal piatto rosso, aveva mangiato solo poco più della metà rispetto a chi invece si era servito dagli altri due tipi di piatti.

Il rosso dunque inibisce alcuni comportamenti, anche a tavola. Di conseguenza, secondo gli esperti, una teoria dei colori più precisa potrebbe anche essere d'aiuto nelle diete.

Lo studio è stato pubblicato su Appetite.

Francesca Mancuso

Pin It

Cerca