Luca-Parmitano

La Nasa ha rivelato che la pericolosa perdita d'acqua che, come tutti ricordiamo, interruppe la seconda passeggiata spaziale dell'astronauta italiano Luca Parmitano il 16 luglio 2013, fu la conseguenza di una diagnosi errata relativa ad una perdita simile. Questa fu rilevata già alla prima passeggiata spaziale, appena una settimana prima.


lucaparmitano ritorno

Un attimo di sollievo, poi gli occhi lucidi delle figlie. Luca Parmitano, in conferenza da Houston, racconta le sue emozioni di quando ha rimesso piede sulla Terra a quanti lo hanno seguito per sei mesi col naso all'insù.


Siciliano di Paternò, Luca Parmitano, 37 anni compiuti nello spazio, non esita a confessare che la prima sensazione che ha avuto dopo l'atterraggio è stata di sollievo. "Per fortuna è andato tutto bene, e la Soyuz ha lavorato come un orologio svizzero", ha spiegato. "Quando mi hanno estratto dalla capsula e ho visto tutta la gente intorno mi sono sentito sollevato, perché non c'erano stati intoppi", ha aggiunto. 

Ma "il ricordo più bello del mio ritorno è il sorriso delle mie figlie quando le ho svegliate. Lo sguardo che ho visto nei loro occhi è qualcosa che rimarrà con me per sempre". Ha raccontato Parmitano, che ha sottolineato di non aspettarsi di diventare così famoso dopo la missione sull'Iss.

La missione Volare si è conclusa l'11 novembre con un atterraggio alle 3.49 del mattino (ore italiane) nelle steppe del Kazakistan. Luca è tornato a terra dopo 166 giorni di permanenza nello spazio, insieme ai compagni Karen Nyberg e Fyodor Yurchikhin.

parmitano conference 

E' terminata, dunque, la missione che aveva portato il primo astronauta italiano ad effettuare una passeggiata spaziale. Una missione la cui tabella di marcia è stata davvero molto ricca di impegni: più di 30 gli esperimenti scientifici condotti e due le passeggiate spaziali effettuate. Una spedizione che ha anche avuto il compito di eseguire alcune operazioni di mantenimento della stessa ISS. E, tra i compiti specifici di Parmitano, quelli di effettuare "l'installazione e la realizzazione di esperimenti su emulsioni che aiuteranno l'industria a creare alimenti e farmaci con una durata più lunga", come si legge sul sito dell'Esa.

E a chi gli chiedeva se sentisse la mancanza dell'ISS, Parmitano ha risposto: "Per il momento mi sto godendo questa fase di riscoperta della Terra , ad esempio l'odore della terra bagnata che ho sentito gia' all'atterraggio. Ma se mi si chiede se sono a disposto a tornare la risposta è facile, sono prontissimo".

Insieme all'equipaggio, è tornata sulla Terra anche la fiaccola delle Olimpiadi di Sochi del 2014. Lo scorso 9 novembre, la stessa fiamma olimpica ha "passeggiato" nello spazio insieme ai cosmonauti Oleg Kotov e Sergei Ryanzansky.

 

atterraggio expedition37

Luca Parmitano è tornato. Insieme ai suoi colleghi che hanno fatto parte con lui dell'equipaggio della Expedition 37, il comandante russo Fyodor Yurchikhin e l'astronauta della Nasa Karen Nyber, Parmitano ha toccato il suolo terrestre alle 3.49. Un atterraggio come molti altri effettuati dalle Soyuz, nella steppa del Kazakistan, insieme alle accoglienze di rito.

 

Parmitano passeggiata spaziale

Frenetica l'attività sulla Stazione Spaziale Internazionale: nel corso della settimana tre nuovi arrivi trasportati dal razzo Soyuz, una passeggiata spaziale e tre rientri, tra cui quello del nostro Luca Parmitano. Tutto mentre proseguono gli esperimenti scientifici sponsorizzati dalla comunità scientifica internazionale, pubblica e privata.

lucaparmitano ritorno

Manca poco al rientro sulla Terra del nostro Luca Parmitano, attualmente a bordo della Stazione Spaziale Internazionale e impegnato nella missione Volare. Un ritorno previsto per il prossimo 11 novembre. La Expedition 37 ha preso avvio, lo ricordiamo, lo scorso 29 maggio 2013. Fu allora che vedemmo la Soyuz TMA-09M proiettarsi in orbita con il primo italiano della storia spaziale ad effettuare una passeggiata spaziale. La sua seconda attività extraveicolare poi, il 17 luglio, ci ha lasciati con il fiato sospeso quando fu interrotta a causa di una infiltrazione di liquido nel casco.

Pagina 1 di 6