Musica in streaming e mappe: le novita' dal Google I/O

Stampa

Google-Play-Music

Direttamente dal Google I/O l'annuncio ufficiale. Si chiama Google Play Music All Access, per gli amici Access, ed è il nuovo servizio di musica messo a disposizione dal colosso di Mountain View.

La notizia dell'arrivo della musicia streaming targata Google era già trapelata ma ieri la società ha spiegato di che si tratta. Un vero e proprio servizio di ascolto sul web della musica preferita. Previo abbonamento mensile, si potrà avere accesso a milioni di canzoni direttamente da Google Play.

Non occorre scaricarla. Per 10 dollari al mese (almeno in America) si potrà avere sempre a portata di smartphone la propria musica, personalizzabile a piacimento non solo creando le playlist che includono i brani già presenti sul cellulare ma dando vita anche ad un palinsesto radiofonico personalizzato. Inoltre con il Google Play multiplayer si potranno conoscere in tempo reale le classifiche.

Play Music

Ma al Moscone Center di San Francisco sono state annunciate altre novità che riguardano il mondo Android. Dai nuovi codec video di prossima generazione VP9 per ottenere prestazioni più veloci per il video-streaming al requestAutocomplete API per i pagamenti veloci. Aggiornato anche Google+ Hangouts.

E infine le mappe. Ieri è stata mostrata in anteprima la prossima generazione di Google Maps che renderà ancora più semplice l'esplorazione e la ricerca. Ogni volta che si clicca o si cerca, la nuova tecnologia disegnerà una mappa su misura che mette in evidenza le informazioni necessarie.

Francesca Mancuso

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

- Google lancia la sfida a Spotify sulla musica in streaming

- Musica: pubblicato il primo album creato da un software

- Jame for Chrome: quando la musica diventa virtuale