Il ragno vegetariano

vegetarianspiderSi chiama Bagheera Kiplingi, vive nelle regioni tropicali del Sud America e del Messico meridionale ed è il primo ragno classificato come vegetariano.


Sembra incredibile eppure questo aracnide saltatore che chiameremo Bagheera in via confidenziale, si nutre soprattutto dell'apice della foglia di Acacia Cornigera, una delizia dal contenuto proteico che le permette di adottare uno stile di vita quasi pacifista, lontano dall'indole predatrice dei suoi simili (più di 40,500 specie in tutto il mondo). La dieta e il comportamento di questo aracnide hanno incuriosito Christopher J. Meehan ed Eric J. Olson i quali dopo lunghi studi, ne hanno scritto un articolo pubblicato sul Current Biology.

 

 

Gli scienziati hanno adoperato telecamere ad alta risoluzione grazie alle quali hanno immortalato Bagheera nell'atto di nutrirsi. Al tempo stesso, le analisi sugli isotopi di carbonio e azoto, le cui proporzioni variano a seconda della dieta dell'animale analizzato, hanno fornito un'ulteriore conferma. E se lo stile di vita vegetariano di questo simpatico ragno risulta bizzarro, il suo rapporto con il vicinato non può che sorprendere.

 

 

 

L'Acacia Cornigera, infatti, ospita alcune specie di formiche con cui vive una relazione di mutualismo offrendo loro cibo (abbondante nettare) e riparo nelle caratteristiche spine cave, ricevendone in cambio la difesa dai parassiti. Bagheera, che all'etichetta di parassita ha aggiunto quella di razziatore, sottraendo loro il cibo, ha imparato a sfuggire agli attacchi utilizzando diverse strategie.


Prima fra tutte, tesse la propria tela sulla base di principi di difesa e non di attacco come normalmente fanno i suoi simili; per ridurre la propria visibilità ai sensori degli insetti, invece, produce sostanze chimiche simili a quelle prodotte dalle formiche. Ma non è tutto: i piccoli di questo ragno, approfittano della somiglianza in tenera età con i vicini imenotteri, per confonderli a suon di imitazioni dei movimenti e passare inosservati.


 

 

Solo in rari casi Bagheera sostituisce la dieta vegetariana per nutrirsi delle larve dei suoi vicini o di piccoli invertebrati, e per via di questa predominante preferenza il processo di nutrimento ha assunto addirittura connotazioni diverse da quelle dei ragni comuni. Gli aracnidi nfatti, non mangiano cibi solidi e tendono a succhiare la linfa vitale delle loro prede. Bagheera invece ha dimostrato di ingerire e digerire perfettamente le cime dell'acacia che per l'80% sono formate da fibre strutturali di dimensioni piuttosto grandi per gli standard dei suoi simili.


 

Una novità assoluta che entra a far parte delle stranezze della natura. E la pianta carnivora...non sarà più sola.

Pin It

Cerca