Poker, arriva il primo torneo di texas hold'em tra 'robot': nessun umano ammesso

Sospeso

E' mania texas hold'em, e lo è da un pò: ecco perchè l'Indiana University ha annunciato per agosto il lancio del primo torneo di Poker Bot, dove a contendersi la vittoria non ci saranno dei giocatori di poker dal vivo, ma soltanto dei Bot (Robot), creati specificatamente per giocare e vincere nella variante dalle due carte più diffusa al mondo. 

L'obiettivo del 'Poker Programming Contest' è dunque mettere faccia a faccia i Poker Bot, diavoli dell'online, quei software programmati per lucrare e vincere partite di poker sul web.

Ma questa volta chissenefrega della lealtà sportiva. L'idea è recuperare i programmi più sofisticati in circolazione per comprendere fino a che punto un Bot può essere competitivo. Insomma, da rovina del poker online i Bot si trasformeranno in pregiati giocatori da cui ammirare la raffinatezza e la completezza del software di gestione.

 

 Eric Jiang, ideatore del torneo ed esperto analista, fa sapere di aver "selezionato accuratamente ogni concorrente iscritto. Ognuno di loro presenterà un intelligenza artificiale in grado di giocare a poker- spiega- e il torneo presenterà agli spettatori i migliori Bot in circolazione: ci sarà da divertirsi".

Tuttavia, potranno partecipare all'evento solo studenti universitari, in modalità Limit Hold'em: cioè una puntata massima prestabilita, quindi dimenticatevi gli all-in o le migliori e ingannevoli giocate in slowplay

Il vero banco di prova per i concorrenti sarà perciò riuscire a programmare un bot, in grado di elaborare strategie di gioco capaci di sconfiggere in un arco di tempo specificato un altro software.

"Sono molto fiducioso e sarà uno spettacolo", precisa ancora Jiang, che poi rilancia: "I risultati del torneo daranno un grande slancio a tutti gli studenti di informatica per ampliare cosi i loro sforzi anche al di fuori degli studi tipici dell'università. E spero che questa mia iniziativa possa offrire qualcosa di divertente ed incoraggiarli a pensare in modo creativo. Alla fine non importa chi vincerà, ma è fondamentale avere raggiunto lo scopo dell'iniziativa".

E chi pensa ad un premio milionario si ricreda: il vincitore del contest si dovrà accontentare di 200 dollari; 100 al secondo classificato. Di mezzo giusto l'affare economico che potrà rivelarsi l'ottimo resoconto del nuovo 'Bot texan planet'.

Augusto Rubei

 

 

 

Pin It

Cerca