Corot avvista nuovi pianeti extrasolari: uno di questi è perfino 60 volte più grande di Giove

Nuovi pianeti extrasolari sono stati avvistati dal satellite CoRot. Le dimensioni sono varie, si va da quello più grosso (CoRoT-15b), le cui dimensioni sono raddoppiate rispetto a quelle di Giove, al più piccolo che per massa e dimensioni è il 70% di Saturno. 

Nuovi mondi, che rendono sempre più viva la curiosità di scienziati e astronomi. La nuova collezione di pianeti comprende i seguenti: CoRoT-10B, CoRoT-11b, CoRoT-12B, CoRoT-13b-14b e Corot. Essi sono stati classificati come “pianeti gioviani caldi”. 

Con l'aggiunta di questo nuovo lotto, il numero di pianeti extrasolari scoperti da CoRoT è salito a 15", ha spiegato Magali Deleuil dal Laboratoire d'Astrophysique di Marsiglia, in Francia. "La dimensione crescente del censimento, che comprende oggetti con caratteristiche molto diverse, è di vitale importanza per una migliore comprensione dei sistemi planetari diversi dal nostro". 

Analizziamo alcuni di questi nuovi pianeti. 

CoRoT-8B. La sua struttura interna dovrebbe essere simile a quella del ghiaccio, o anche di pianeti giganti come Urano e Nettuno. È il secondo più piccolo esopianeta scoperto dal team di CoRoT fino ad ora. 

CoRoT-10B. per esempio, ha un orbita allungata particolarmente eccentrica che si traduce in variazioni estreme nella sua temperatura di superficie nel corso del suo anno. L'esopianeta tiene molto vicino alla sua stella, e la variazione sostanziale nei risultati orbitale distanza in un aumento di dieci volte l'esposizione del nostro pianeta di radiazione stellare.  

CoRoT-11b. Ha una rotazione attorno al proprio asse molto veloce, che dura meno di due giorni. A confronto, il nostro Sole ha un periodo di rotazione di circa 26 giorni. La stella madre, in rapida rotazione, lo contraddistingue dagli altri.  

CoRoT-12b, 13b e 14. Sono tutti vicini all'orbita della loro stella, ma ognuno mostra proprietà differenti. CoRoT-13b è più piccolo di Giove e due volte più denso, suggerendo la presenza al suo interno di un massiccio nucleo roccioso. CoRoT-14B ha dimensioni simili a Giove, ma, sorprendentemente, la sua massa è superiore di 7,5 volte, e la sua densità ben 6 volte maggiore.  

CoRoT-15b. È una nana bruna, a metà tra un pianeta e una stella, circa 60 volte più massiccio di Giove. La sua orbita è partcolarmente eccentrica e si traduce in variazioni estreme nella sua temperatura di superficie nel corso del suo anno. Secondo gli scienziati, la temperatura della superficie del pianeta potrebbe aumentare da 480 gradi a oltre 1.100 gradi Fahrenheit (250-600 gradi centigradi), in soli 13 giorni. 

"La ricchezza della diversità che emerge da questo campione è un risultato molto interessante, e mostra la capacità di CoRoT di individuare pianeti extrasolari, che sono piuttosto diversi l'uno dall'altro", ha dichiarato Malcolm Fridlund, uno scienziato del progetto di CoRoT presso l'Agenzia spaziale europea (ESA). "Essere in grado di studiare una grande varietà di pianeti fornirà importanti conoscenze sulla formazione e l'evoluzione dei sistemi planetari.

Francesca Mancuso

Fonte foto: http://link2universe.wordpress.com/


Pin It

Cerca