No computer ed internet ai bambini sotto i 9 anni di età: bloccano lo sviluppo

Far usare il computer ai bambini più piccoli di 9 anni è dannoso per il loro apprendimento. E' l'allarme lanciato da alcuni psicologi della Royal Society of Medicine al governo inglese, al quale, nel merito, chiedono l'applicazione di regole restrittive.

"I bambini hanno bisogno di afferrare, toccare, sfiorare, assaggiare, guardare e muovere oggetti reali, per educare le proprie infrastrutture neurologiche e di apprendimento", dichiarano infatti gli esperti. Niente videogames dunque, e niente internet. Il suggerimento riguarda invece la creazione di "una zona technology free per dar modo ai piccolissimi di sviluppare le capacità di azione nello spazio, prima di quelle tecnologiche".

E durante la conferenza organizzata dalla Open EYE Coalition, sarà il dottor Aric Sigman, membro della Royal Society of Medicine e membro associato della British Psychological Society, a presentare le perplessità dei ricercatori. A fargli eco anche la professoressa Kathy Hirsh-Pasek, membro del dipartimento di Psicologia della Temple University di Philadelphia, dove è responsabile del laboratorio di ricerca sul linguaggio infantile.

Il monito è chiaro: il pc, "se usato prematuramente, rischia di compromettere le abilità di lettura e di calcolo matematico, deformando la realtà in un delicato momento della vita", in cui i piccoli devono ancora esperire il mondo che li circonda.

Sotto accusa il Nappy Curriculum, voluto dai Laburisti per introdurre l’uso di varie tecnologie sotto i cinque anni di vita. Secondo il percorso educativo dettato dai progressisti inglesi, già a tre anni e mezzo i bambini dovrebbero saper utilizzare a livello elementare computer e televisione.

Ma i conservatori fanno scudo uniti agli studiosi di psicologia infantile: "Stimolare un bimbo piccolo attraverso forti sensazioni audio-visive non significa aiutarlo nella crescita. Un bombardamento tecnologico prematuro- proseguono gli psicologi della Royal Society of Medicine- rischia di compromettere un sano sviluppo". La soglia minima di accesso all'universo interattivo sarebbe quindi intorno ai 9 anni di età. "Solo i programmi di disegno hanno il merito di potenziare la creatività e lo sviluppo del pensiero".

Augusto Rubei


Pin It

Cerca