Giove colpito da un oggetto cosmico "ancora non identificato"

Gli scienziati sono occupati nell'esaminare la natura dell'oggetto che, la scorsa settimana, si è schiantato contro Giove. Da alcuni è stato descritto come una massa infuocata dalle considerevoli dimensioni. La collisione si è verificata venerdì scorso ed è stata intercettata da un astronomo amatore, Anthony Wesley, in Australia. Tuttavia, Giove non è nuovo a questi eventi. Meno di un anno fa, infatti, un altro oggetto aveva intercettato la sua orbita. 

Al momento i ricercatori stanno analizzando l'impatto, sperando di identificare l'oggetto cosmico che si è scontrato con il pianeta più grande del nostro sistema solare. Questo perchè "ancora non hanno un'idea precisa sulla sua identità ", secondo quanto dichiara Heidi Hammel, dello Space Science Institute di Boulder, Colorado.

E la Hammel non è nuova nel campo. Ha guidato uno studio che è stato recentemente pubblicato su Astrophisical Journal Letters, il quale rileva la natura di un asteroide di circa 500 metri che, allo stesso modo, si scontrò con Giove lo scorso 19 luglio 2009. Come è accaduto la settimana scorsa, fu lo stesso Wesley ad accorgersi del fenomeno e a catturarne le prime immagini.

Sulla nuova collisione, però, ancora nessuno si pronuncia. "Stiamo lavorando sui dati, ma non posso dire nulla a riguardo, ancora", scrive, a Space.com, Agustin Sanchez-Lavega, della University Basque Country di Bilbao, in Spagna.

Con questa nuova collisione e quella avvenuta poco meno di un anno fa, gli esperti si interrogano sulla natura della frequenza con cui questi fenomeni si verificano. E, certamente, in base a questi due nuovi eventi, la statistica deve essere aggiornata.

Giove fu protagonista di un evento simile già nel 1994. La cometa Shoemaker-Levy 9 si frantumò in più di 20 pezzi che, a loro volta, colpirono il pianeta ripetutamente. In quel periodo, gli astronomi stimarono che gli impatti su Giove potessero verificarsi ogni 50/250 anni.

Federica Vitale


 

 

Pin It

Cerca