Lumache giganti salva-gorilla: il piano del WCS

archachatina_marginata

Le lumache giganti salveranno i gorilla africani. O perlomeno ci proveranno. Il Wildlife Conservation Fund (WCS) sta infatti testando la possibilità d'introdurre l'allevamento di Archachatina marginata (una specie gigante di gasteropodi tipica del continente africano), con l'obiettivo di sconfiggere la caccia di frodo ai Gorilla di Cross River: il primate a più grande pericolo d’estinzione, con una popolazione ormai ridotta a 300 esemplari.

Escargot cotte al forno dunque, e un bel taglio al consumo della viande de bruosse, meglio conosciuta come la Bushmeat (carne di foresta, ndr). Questo perché in Nigeria i Gorilla di Cross River sono ormai diventati quasi la nuova valuta di scambio, e la perdita di un altro solo esemplare potrebbe essere letale per l'intera specie..

Del resto, recenti studi rilevano come le lumache giganti “contengono più proteine della carne di manzo” e sono “una fonte importante di sali minerali”, necessari al corretto sviluppo dell'organismo umano.

Secondo alcune stime del WCS, inoltre, il gorilla africano “viene rivenduto a circa 70 dollari a capo”, mentre il costo annuo di un allevamento di Archachatina (adatto ad una famiglia media della zona) “girerebbe intorno agli 87 dollari, con un guadagno netto di 413 dollari”.

Un esperimento quindi, quello del WCS, che non solo contribuirebbe a salvare i Gorilla gorilla Diehli, ma che rilancerebbe anche l'economia nigeriana. Senza contare le migliori condizioni di nutrimento della popolazione.

Tuttavia, Andrew Dunn, direttore nazionale del WCS Nigeria, placa gli entusiasmi e ricorda che il lavoro finora svolto, “dedicato a sviluppare mezzi di sussistenza alternativi per i bracconieri locali, è solo al primo passo per il recupero di questi incredibili gorilla".

IL GORILLA DEL CROSS RIVER (o Gorilla gorilla Diehli) è una sottospecie di gorilla occidentale e prende il nome dal fiume Cross River: un importante corso fluviale della Nigeria sudorientale. Rispetto al gorilla occidentale di pianura, ha il cranio e i denti di dimensioni inferiori. Vive tra la Nigeria e il Camerun, nelle foreste di latifoglie umide tropicali e subtropicali. Uno studio del 2007, lanciato dal Journal of Primatology, verificò come i Gorilla gorilla Diehli avessero delle “ reazioni aggressive” nei confronti delle “possibili minacce dell'uomo”. Gli scienziati coinvolti nella ricerca, infatti, “riscontrarono alcuni casi di gorilla che lanciavano bastoni e ciuffi d'erba”. Un fatto insolito se si considera che quando i gorilla entrano in contatto con l'uomo, solitamente fuggono e solo raramente effettuano delle cariche.

LA LUMACA GIGANTE AFRICANA è “un cibo ecologico e a buon mercato, in quanto diffusa nelle foreste e nelle paludi dell' Africa centrale. Inoltre, fa bene alla salute: la sua carne contiene pochi grassi (per di più polinsaturi), antiossidanti, ferro, calcio magnesio e varie vitamine”. E' quanto sostiene una ricerca pubblicata nei mesi scorsi sull' International Journal of Food Safety. Secondo Upkong Udofia, economista dell' Università di Uyo, peraltro, l' Archachatina marginata “ha sapore e consistenza simili a quelle del pasticcio di carne e fornisce proteine e ferro”.

Augusto Rubei



{jumi}
<script type="text/javascript" src="http://static.ak.connect.facebook.com/js/api_lib/v0.4/FeatureLoader.js.php/it_IT"></script><script type="text/javascript">FB.init("bbf12bf298fad8318986cd1a298d1aa3");</script><fb:fan profile_id="232393981484" stream="0" connections="22" logobar="1" width="618"></fb:fan><div style="font-size:8px; padding-left:10px"></div>
{/jumi}

 

Pin It