Le reti di comunicazione del futuro saranno green

logo Green Touch

Alcatel-Lucent annuncia la nascita del consorzio Green Touch che andrà a riunire operatori di TLC come China Mobile e Swisstelecom, istituti di ricerca di università prestigiose, come Stanford e il MIT, e diverse organizzazioni scientifiche no profit.

Scopo della ricerca sarà inventare e rendere disponibile una tecnologia per le reti di comunicazione ecosostenibile e 1000 volte più efficiente rispetto ad oggi.

L’iniziativa, che vedrà coinvolti migliaia di scienziati, sarà guidata dai Bell Labs, i laboratori di ricerca della Alcatel- Lucent, e avrà una durata di 5 anni. Proprio il vice presidente di Bell Labs, Gee Ritterhouse, ha dichiarato che “nel prossimo decennio miliardi di persone saranno impegnate a condividere informazioni. L’incremento conseguente di energia consumata per fronteggiare questa domanda richiede azioni immediate per ridurre le emissioni di CO2 […]. Questo consorzio intende andare oltre e ottenere il necessario salto di qualità. Stiamo parlando di niente di meno che una re-invenzione delle reti rispetto a ciò che oggi conosciamo”.

La ricerca di una nuova rete di comunicazione si basa su studi condotti dai Bell Labs sui limiti fisici delle piattaforme delle reti ITC secondo regole scientifiche ampiamente riconosciute, come la Legge di Shannon, un algoritmo utilizzato per stimare la capacità utile di un canale di comunicazione.

Il programma di ricerca verrà stabilito nella prima riunione del consorzio a febbraio. Il progetto ha già ricevuto l’appoggio dei governi di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia. Green Touch inoltre si dichiara pronto ad accogliere ogni contributo per creare un network “verde” e risolvere così il problema delle 300 milioni di tonnellate di biossido di carbonio prodotte oggi dalle reti di TLC ogni anno.

 

Pin It