Le 5 scoperte più attese per il 2010

Uomo vitruviano: le 5 scoperte del 2010

Quali ambiti di ricerca e quali scoperte si aspetta il mondo scientifico per il nuovo anno? A questa domanda risponde Science, la rivista accademica della American Association for the Advancement of Science, una delle testate più autorevoli in campo scientifico. Dalle ricerche in campo genetico alle sfide dello spazio, ecco le 5 scoperte più attese che il 2010 si appresta a rivelarci.

Cellule staminali pluripotenti indotte: nome abbreviato IPS, la ricerca in questo campo è stata già eletta come la più importante del 2008. Le cellule staminali pluripotenti indotte derivano dalla “riprogrammazione” di cellule staminali di pelle adulta che sono “forzate” a svilupparsi in altre tipologie di cellule mature. Utilizzando questo processo, gli scienziati possono creare cellule dai singoli pazienti ed analizzare anomalie fisiologiche e genetiche oppure usarle per testare terapie ad alto impatto. I ricercatori hanno già creato cellule IPS da persone con diabete di tipo 1, Parkinson e da un’altra dozzina di gravi malattie.

Occhio Cosmico: conosciuto anche come Alpha Magnetic Spectrometer (AMS), è un innovativo esperimento di fisica spaziale che sarà finalmente consegnato alla Stazione Spaziale Internazionale nel mese di luglio. Il Nobel per la fisica Samuel Ting  guida il team internazionale di ricerca del progetto AMS, che analizzerà i raggi cosmici per evidenziare antimateria, materia oscura e Strangelet (materia strana). Pronto già nel 2003, il lancio dell’occhio cosmico fu rimandato a data da destinarsi dopo il disastro del Columbia. Fortunatamente, nel 2008 il Congresso americano ha approvato una legge che obbliga la NASA a far partire il progetto, costato 2 miliardi di dollari.

Exome studies: è l’1% del genoma umano che è la causa principale dei fenotipi. Tali studi hanno già rivelato importanti informazioni su gravi malattie ereditate geneticamente e potrebbero colmare alcune lacune dei genome-wide association study che, seppur molto popolari negli ultimi anni, hanno fallito nel dimostrare l’ereditarietà di alcune malattie, anche molto comuni.

Cura contro il cancro? La biochimica è l’arma contro i tumori e c’è la possibilità che dia finalmente i frutti sperati con nuove terapie. Il campo di ricerca su cui si sta maggiormente investendo è quello per riuscire a controllare il processo di glicolisi delle cellule tumorali.

Alla scoperta dello spazio: a settembre prossimo la flotta degli space shuttle americani andrà in pensione, dopo tre decenni di servizio, proprio in coincidenza della fine dei lavori della Stazione Spaziale Internazionale. Il Presidente Obama e la NASA dovranno perciò scegliere con quali velivoli sostituirli. Il nuovo veicolo spaziale dovrebbe essere simile all’attuale progetto del missile Ares e del modulo Orion, tuttavia c’è la possibilità che vengano chiamate alcune società per la costruzione di un veicolo più economico. Da questa sostituzione di mezzi prenderà il via un periodo di nuove esplorazioni che porterà sulla luna e sul pianeta Marte: spetterà al Presidente degli Stati Uniti scegliere quale sarà la missione con la quale dare il via a questa nuova stagione di viaggi nello spazio.

 

Quali ambiti di ricerca e quali scoperte si aspetta il mondo scientifico per il nuovo anno? A questa domanda risponde Science, la rivista accademica della American Association for the Advancement of Science, una delle testate più autorevoli in campo scientifico. Dalle ricerche in campo genetico alle sfide dello spazio, ecco le 5 scoperte più attese che il 2010 si appresta a rivelarci.

Cellule staminali pluripotenti indotte: nome abbreviato IPS, la ricerca in questo campo è stata già eletta come la più importante del 2008. Le cellule staminali pluripotenti indotte derivano dalla “riprogrammazione” di cellule staminali di pelle adulta che sono “forzate” a svilupparsi in altre tipologie di cellule mature. Utilizzando questo processo, gli scienziati possono creare cellule dai singoli pazienti ed analizzare anomalie fisiologiche e genetiche oppure usarle per testare terapie ad alto impatto. I ricercatori hanno già creato cellule IPS da persone con diabete di tipo 1, Parkinson e da un’altra dozzina di gravi malattie.

Occhio Cosmico: conosciuto anche come Alpha Magnetic Spectrometer (AMS), è un innovativo esperimento di fisica spaziale sarà finalmente consegnato alla Stazione Spaziale Internazionale nel mese di luglio. Il Nobel per la fisica Samuel Ting guida il team internazionale di ricerca del progetto AMS, che analizzerà i raggi cosmici per evidenziare antimateria, materia oscura e Strangelet (materia strana). Pronto già nel 2003, il lancio dell’occhio cosmico fu rimandato a data da destinarsi dopo il disastro del Columbia. Fortunatamente, nel 2008 il Congresso americano ha approvato una legge che obbliga la NASA a far partire il progetto, costato 2 miliardi di dollari.

Exome studies: è l’1% del genoma umano che è la causa principale dei fenotipi. Tali studi hanno già rivelato importanti informazioni su gravi malattie ereditate geneticamente e potrebbero colmare alcune lacune dei genome-wide association study che, seppur molto popolari negli ultimi anni, hanno fallito nel dimostrare l’ereditarietà di alcune malattie, anche molto comuni.

Cura contro il cancro? La biochimica è l’arma contro i tumori e c’è la possibilità che dia finalmente i frutti sperati con nuove terapie. Il campo di ricerca su cui si sta maggiormente investendo è quello per riuscire a controllare il processo di glicolisi delle cellule tumorali. Alla scoperta dello spazio: a settembre prossimo la flotta degli space shuttle americani andrà in pensione, dopo tre decenni di servizio, proprio in coincidenza della fine dei lavori della Stazione Spaziale Internazionale. Il Presidente Obama e la NASA dovranno perciò scegliere con quali velivoli sostituirli. Il nuovo veicolo spaziale dovrebbe essere simile all’attuale progetto del missile Ares e del modulo Orion, tuttavia c’è la possibilità che vengano chiamate alcune società per la costruzione di un veicolo più economico. Da questa sostituzione di mezzi prenderà il via un periodo di nuove esplorazioni che porterà sulla luna e sul pianeta Marte: spetterà al Presidente degli Stati Uniti scegliere quale sarà la missione con la quale dare il via a questa nuova stagione di viaggi nello spazio.

Pin It

Cerca